Rilasciato IsoBuster v1.5

Novembre 4, 2003

Smart Projects è orgogliosa di presentare:

IsoBuster 1.5

Di seguito sono elencate le nuove funzionalità introdotte e le modifiche apportate al programma:

Nuove funzionalità:

  • È stata apportata una modifica estetica. Ora sui sistemi Windows XP IsoBuster supporta i temi di Windows XP.
  • È possibile cambiare lo stile delle icone visualizzate nel pannello di sinistra, ad esempio è possibile visualizzare le icone in stile Windows XP sui sistemi non Windows XP.
  • Il programma di installazione installa la Guida in linea sia in formato HTML (file .chm), sia in formato .hlp.
  • Se nel sistema è installato Internet Explorer 4.0 o versione successiva, IsoBuster richiama automaticamente la Guida in linea in formato HTML.
  • Se nel sistema non è installato Internet Explorer 4.0, IsoBuster richiama la Guida in linea in formato .hlp.
  • È stato aggiunto il supporto per due tipi di file immagini multifile:
    • (ad esempio, file immagine .pdi oppure .iso oppure .bin e .gi)
    • ad esempio:
      • FileImmagine.pdi
      • FileImmagine.pdi01
      • FileImmagine.pdi02
      • FileImmagine.pdi03
      • FileImmagine.pdi04)
    • ad esempio:
      • FileImmagine.gi
      • FileImmagine(12).gi
      • FileImmagine(13).gi
      • FileImmagine(14).gi
      • FileImmagine(15).gi
  • Durante la creazione dei file immagine, è possibile suddividere questi ultimi in volumi, in base alla dimensione specificata dall'utente.(Ad esempio, è possibile suddividere il file immagine di un DVD in 4 file di 1 GB ciascuno).
  • È stato aggiunto il supporto CD-Text nei file CueSheet (.cue).
  • È stato aggiunto il supporto CD-Text nei file .cdt (collegati ai file .cue).
  • È possibile creare i file CueSheet (.cue).
  • È possibile creare i file CD-Text (.cdt) collegati ai file CueSheet (.cue).
  • È possibile scegliere quando e dove creare il file CueSheet.
  • È stato aggiunto il modulo della lingua macedone alla pagina di download dei moduli delle lingue.
  • È stato aggiunto il modulo della lingua bosniaca alla pagina di download dei moduli delle lingue.
  • È stato aggiunto il modulo della lingua araba alla pagina di download dei moduli delle lingue.
  • È stato aggiunto il modulo della lingua persiana (farsi) alla pagina di download dei moduli delle lingue.
  • È stato aggiunto il modulo della lingua indonesiana alla pagina di download dei moduli delle lingue.
  • È stato aggiunto il supporto per i file immagine creati con Alcohol xx% (file .mds e .mdf).
  • Il file .mds (file descrittore delle tracce e delle sessioni) descrive il corretto layout del disco. Sono supportati i file immagine multifile.
  • Il file .mdf (file contenitore dei dati) consente di gestire il file immagine come un file immagine ordinario senza i dati del layout del disco.
  • È stato aggiunto il supporto per i file immagine creati con Clone CD (file .ccd)
  • Il file .ccd (file descrittore delle tracce e delle sessioni) descrive il corretto layout del disco, delle tracce e delle sessioni.
  • Il file .img (file contenitore dei dati) consente di gestire il file immagine come un file immagine ordinario senza i dati del layout del disco.
  • Ora IsoBuster etichetta i dischi Mount-Rainier come dischi "CD-MRW" (anziché "CD-RW") oppure come dischi "DVD+MRW" (anziché "DVD+RW"). L'unità deve essere compatibile MRW.
  • Adesso è possibile impostare il tipo di carattere desiderato per l'interfaccia del programma. Questo consente di utilizzare caratteri speciali in combinazione con i moduli delle lingue.
  • È stata implementata l'attivazione automatica del remapping metodo 2.

Miglioramenti:

  • È stato implementato un workaround per gestire un errore nei driver del lettore di card DataFab in ambiente Windows XP e Windows 2000. Questo errore poteva causare l'arresto del sistema durante l'avvio di IsoBuster.
  • Alcune unità rispondono "Nessun disco presente" alla richiesta di esecuzione di comandi non supportati. Questo poteva indurre IsoBuster a credere che non ci fosse alcun disco inserito nell'unità o che il disco inserito fosse vuoto. È stato implementato un workaround per gestire questo problema.
  • Alcune unità non sono completamente conformi alle specifiche MMC. Se si inseriva un disco CD-RW, registrato con una singola traccia, IsoBuster non era in grado di leggere la lunghezza effettiva della traccia in alcune unità CD-ROM.
  • È stata migliorata la selezione delle interfacce SPTI e Aspi. A volte, non era possibile selezionare l'interfaccia Aspi sui sistemi Windows NT, Windows 2000 e Windows XP se l'interfaccia SPTI non era in grado di trovare le unità all'avvio. Adesso è possibile selezionare l'interfaccia SPTI anche nel caso in cui non si disponga delle autorizzazioni di amministratore sui sistemi Windows NT, Windows 2000 e Windows XP. Nel caso in cui l'utente non disponga delle autorizzazioni di amministratore, la Guida in linea fornisce informazioni su quali operazioni deve effettuare l'amministratore di sistema per concedere ad un utente l'accesso a basso livello all'unità.
  • Nel caso in cui i file siano memorizzati su dischi (S)VCD in settori M2F2 (ad esempio, i file mpg), il comando "Estrai" esegue la stessa operazione che eseguiva nelle versioni precedenti di Isobuster (1.3 e versioni precedenti). A partire dalla versione 1.4, il comando "Estrai" riportava degli errori poiché IsoBuster tentava di leggere esattamente 2048 byte per blocco. Questo consentiva di evitare problemi con alcune unità che estrevano file non corretti durante la lettura RAW dei dati. La miglioria corrente è ancora più rigida rispetto alle versioni 1.3 e precedenti. IsoBuster ora estrae i dati in modalità RAW e li converte automaticamente in dati utente solo se i dati sono veramente dei file (S)VCD (esempio: file AVSEQ01.DAT o MUSIC01.DAT memorizzato nella cartella MPEGAV). Quindi, se un disco CD sembra un disco VCD (a causa di certi parametri), il comando "Estrai" sarà ancora "rigido" a meno che il file sia un vero file (S)VCD; in tal caso, i dati vengono estratti in modalità RAW e vengono automaticamente convertiti in dati utente.
  • È stata implementata una via alternativa per trovare la corretta modalità (M1 o M2F1) nei blocchi dei file immagine (questa è una miglioria di carattere cosmetico).
  • È stato implementato un workaround per gestire un problema relativo alle unità SCSI e OEM Plextor più vecchie che non leggono correttamente, ovvero completamente, la TOC (questo poteva scombinare il layout delle tracce).
  • È stata rimossa la ricerca del file system UDF sui dischi CD-i, per rendere più rapido il processo di montaggio del supporto (su questo tipo di dischi non viene registrato il file system UDF).
  • È stata rimossa la ricerca del file system UDF sui dischi VCD che rispettano le specifiche whitebook, per rendere più rapido il processo di montaggio del supporto (su questo tipo di dischi non viene registrato il file system UDF).
  • Sono state apportate delle modifiche di entità minore all'interprete del file system ISO9660, per gestire un problema di registrazione non corretta del file system ISO9660 da parte di alcune applicazioni di masterizzazione.
  • È stata migliorata la velocità di analisi durante la ricerca dei file e delle cartelle UDF mancati in caso di numerosi errori di lettura.
  • È stato migliorato il supporto delle interfacce IDE con più di un bus. A volte, utilizzando l'interfaccia SPTI, alcune unità non venivano identificate se non erano collegate sul primo bus.
  • È stata migliorata la ricerca dei dati sui dischi CD-RW danneggiati creati con i masterizzatori Roxio.
  • È stata migliorata la ricerca della tabella Sparable Allocation sui dischi CD-RW, anche quando tutti i riferimenti a quel dato non sono leggibili.
  • Sono state apportate migliorie alla finestra delle opzioni e all'interfaccia grafica.

Correzioni:

  • A volte la data e l'ora dei file non era corretta.
  • A seconda dell'unità utilizzata, la dimensione delle tracce sui dischi DVD-R a volte non era riportata in modo corretto (solo nel caso in cui esisteva una sola traccia in un'unica sessione contenente meno di 127,5 MB di dati).
  • Le versioni 1.4 che includevano la Guida in linea in formato HTML a volte si chiudevano con un errore di eccezione.
  • Le versioni 1.4 che includevano la Guida in linea in formato HTML a volte si avviavano con un errore di eccezione sui sistemi Windows 95 o Windows NT in cui era installata una versione di Internet Explorer inferiore a 4.0.
  • È stato corretto un errore di eccezione che si verificava raramente (ma che era riproducibile sempre con lo stesso CD) causato da una struttura UDF non corretta contenente valori inaspettati.
  • A volte, il filmato di animazione riprodotto durante la copia dei file non era animato (un problema causato dal compilatore).
  • A volte, durante la creazione di un file immagine, in presenza di errori sul CD, con più tracce memorizzate nel file immagine e con l'opzione "Applica sempre la selezione" selezionata, gli errori non venivano gestiti nel modo corretto per la traccia successiva (se la traccia conteneva errori). Una situazione rara.
Certified for Windows XP Certified for Windows VISTA Certified for Windows 7 Certified for Windows 8 Certified for Windows 10
Aggiungete questa pagina ai Preferiti e condividetela in rete: